Semina peperoncini: Come e quando farla

La semina dei peperoncini è un’attività che non richiede molta esperienza e che può portare grandi soddisfazioni, sia per il palato che per gli occhi.

peperoncini sono piante delicate che richiedono caloreluce solare e un’adeguata umidità per fruttificare in modo ottimale. Vicini parenti dei peperoni dolci, questi alberi ornamentali presentano frutti colorati e lucidi, rendendoli piacevoli alla vista. Inoltre, poiché raggiungono solo circa 60 cm di altezza e 30 cm di larghezza, sono perfetti per essere coltivati in vaso.

Di solito, i peperoncini crescono bene in condizioni simili a quelle dei pomodori. Per ottenere un raccolto abbondante, è possibile coltivarli in una serra, in un polytunnel o in un giardino d’inverno esposto al sole.

Tuttavia, possono anche prosperare in un luogo riparato e soleggiato all’aperto, ad esempio accanto a un muro esposto a sud o su un patio esposto al sole, anche se il raccolto potrebbe essere meno abbondante.

Per avere una vasta scelta di varietà, è possibile acquistare i semi e seminare le piante in casa dalla fine dell’inverno, per ottenere i raccolti da metà estate fino all’inizio dell’autunno.

Semina peperoncini: Cosa e dove acquistare

semi di peperoncino sono ampiamente reperibili nei garden center e nei fornitori di semi online. Inoltre, esistono numerosi rivenditori specializzati di semi di peperoncino che offrono la più ampia scelta di varietà.

Molte di queste fonti vendono anche giovani piante in primavera e all’inizio dell’estate, il che rappresenta un’opzione ideale per coloro che non hanno il tempo o il luogo adeguato per la semina. In tal caso, infatti, queste piante possono essere pronte all’uso e possono essere trapiantate facilmente.

Un’alternativa interessante è rappresentata dall’acquisto di piantine innestate, che possono essere ordinate dai fornitori online e consegnate a partire dalla metà di aprile. Queste piante più vigorose, dovrebbero produrre raccolti più abbondanti, e risultano particolarmente utili in condizioni di crescita un po’ fresche.

Quando seminare i peperoncini

Consigliamo di seminare le varietà autoctone in un ambiente protetto tra febbraio e marzo. Successivamente, le piante vanno rinvasate da fine aprile in poi, quando le temperature notturne si stabilizzano sopra i 15 °C. In sintesi:

  • Periodo semina peperoncini in casa: febbraio– marzo
  • Periodo semina peperoncini outdoor: marzo – aprile
  • Nota: Per chi vuole seminare i peperoncini nel terreno nel nord Italia, è consigliabile attendere circa 30 giorni rispetto alla semina di marzo, aprile che è perfetta per il sud Italia.

Come seminare i peperoncini

Per ottenere raccolti precoci e prolungati, è consigliabile seminare i semi di peperoncino in casa dalla fine dell’inverno a metà primavera. I peperoncini richiedono infatti una lunga stagione di crescita.

Per iniziare, riempi un piccolo vaso con del terriccio ricco di sostanze organiche, premi delicatamente verso il basso per comprimere un pochino il terriccio. Poi, semina sopra alcuni semi, in quanto la maggior parte di essi germinerà. Tuttavia, è sempre utile seminare qualche seme in più in caso di perdite. Copri i semi con un sottile strato di vermiculite e annaffia con cura.

I semi germineranno rapidamente se posti in un propagatore riscaldato a 21°C, oppure semplicemente sul davanzale di una finestra esposta al sole. Per aumentare l’umidità, copri ogni vaso con un sacchetto di plastica trasparente fissato con un elastico.

Non appena le piantine cominceranno a spuntare, rimuovi il vaso dal propagatore o il sacchetto di plastica. Mantieni le piante a una temperatura compresa tra i 16°C e i 18°C, esposte alla luce solare diretta e annaffiale regolarmente.

Invasatura

Quando le piantine raggiungono un’altezza di 2,5 cm, trapiantale singolarmente in vasi riempiti con compost universale. Successivamente, una volta che le radici iniziano a spuntare dai fori di drenaggio, trasferiscile in vasi più grandi, di circa 13 cm di diametro.

Entro la fine di maggio, ripianta ciascuna pianta nel suo vaso definitivo, di almeno 22 cm di diametro, oppure piantale in tre insieme in un sacchetto di coltivazione standard. Per mantenere le piante dritte e stabili, aggiungi dei tutori di bambù.

Per ottenere i migliori risultati di crescita e produzione, le piante di peperoncino dovrebbero essere conservate in una serra, in un tunnel di plastica o in una cornice fredda. Tuttavia, in zone geografiche più miti, è possibile spostarle all’aperto solo una volta che il pericolo di gelate primaverili è passato.

Seminare i peperoncini in giardino

Tieni le piante di peperoncino in casa fino a quando la temperatura notturna non raggiunge in modo affidabile almeno 12°C, di solito entro la fine di maggio o l’inizio di giugno. Quindi indurire per due o tre settimane, per acclimatarli alle condizioni esterne.

I peperoncini hanno bisogno del tuo posto più caldo e soleggiato per produrre un raccolto all’aperto. Crescono bene in grandi contenitori, idealmente su un patio soleggiato o vicino a un muro esposto a sud.

Possono anche essere piantati nel terreno di un giardino/orto, il terreno deve essere ben drenato, fertile, che trattiene l’umidità e leggermente acido. Per raggiungere questo obiettivo, applicare quantità moderate di letame ben decomposto, ma evitare di utilizzare letame fresco o grandi quantità, in quanto ciò può portare a una crescita rigogliosa e frondosa a spese di frutta.

Quindi riscalda il terreno con teli di polietilene o cloches per un paio di settimane prima della semina. Pianta i giovani peperoncini nel terreno allo stesso livello in cui stavano crescendo nel loro vaso.

Distanziali a una distanza di 38–45 cm, a seconda della varietà. Le varietà nane possono essere distanziate di 30 cm l’una dall’altra. Quindi coprire con vello o cloches per fornire protezione dal vento, preferibilmente fino alla fine di giugno.

Temperatura e umidità per una semina perfetta

Le piante di peperoncino tollerano una temperatura minima notturna di 12°C), ma cresceranno meglio se mantenute sopra i 15°C. Tuttavia, temperature superiori a 30°C possono ridurre la fruttificazione, quindi mantieni le serre ben ventilate e fai ombra quando fa caldo.

I peperoncini amano un’atmosfera umida, quindi quando fa caldo “inumidisci” la serra due volte al giorno versando un annaffiatoio pieno sul pavimento, quindi lascialo evaporare.

Irrigazione

Innaffia poco e spesso per mantenere il terreno o il compost uniformemente umido, evitando ristagni e siccità. Aggiungi del pacciame per aiutare a trattenere l’umidità.

Le piante nei contenitori possono asciugarsi molto rapidamente, quindi controllale regolarmente. I boccioli dei fiori possono cadere se le piante si seccano troppo.

Concime

Nutri le piante di peperoncino con un fertilizzante liquido ad alto contenuto di potassio settimanalmente, non appena inizia la fioritura.

Potatura

Per incoraggiare i germogli laterali, che dovrebbero portare più frutti, devi potare le punte dei germogli quando le piante raggiungono i 30 cm di altezza.

Le piante grandi e quelle in sacchi in crescita potrebbero aver bisogno di supporto. Usa diverse canne per pianta e fai attenzione quando leghi i gambi, poiché possono essere fragili.

Raccolto

I peperoncini sono generalmente pronti per la raccolta da metà estate all’autunno se coltivati ​​in serra. La fruttificazione all’aperto dovrebbe iniziare entro agosto.

  • Raccogli i frutti quando sono verdi per incoraggiare un ulteriore raccolto. Lasciati sulla pianta, cambieranno colore e svilupperanno un sapore più piccante.
  • Se i peperoncini vengono lasciati maturare sulla pianta, non verranno prodotti nuovi fiori, il che può portare a una riduzione del raccolto complessivo del 25% o più.
  • Poiché i frutti maturi sono più caldi e più colorati, il raccolto più piccolo è spesso considerato utile.
  • Verso la fine della stagione, copri le piante all’aperto con un vello, o portale in casa, per favorire lo sviluppo dei frutti rimasti.

Semina peperoncini e Problemi comuni

Gli afidi sono un problema frequente sulle piante di peperoncino, quindi controlla regolarmente le punte dei germogli e sotto le foglie, schiacciandole o lavandole via per evitare che si stabiliscano le colonie.

I ragnetti rossi e la mosca bianca possono essere problematici nelle serre, specialmente in condizioni asciutte. Anche le giovani piante di peperoncino hanno bisogno di protezione da lumache e lumache: guarda i nostri consigli su come fermare lumache e lumache.

Leggi anche:

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *