Parassiti e malattie dell’albicocco

Man mano che cresce, un albero di albicocca può presentare problemi come la presenza di parassiti o malattie.

Fattori come la posizione, il tempo e la manutenzione svolgono un ruolo in cui i problemi che il tuo albero di albicocca incontra e quanto bene resiste a loro.

L’albicocco è soggetto alle stesse malattie di un altro noto albero da frutto, il pesco, ma presenta una vegetazione più precoce che richiede cure diverse. La moniliosi (monilia) e l’oidio sono le due malattie più frequenti sull’albicocco.

Compaiono su fiori e frutti (moniliasi), foglie e frutti (oidio). Altre malattie colpiscono questo albero da frutto. Queste patologie sono spesso causate da funghi.

Scopriamo cosa sono le malattie dell’albicocco, i segni che ne consentono l’individuazione e i mezzi di lotta biologica.

Quali sono le malattie dell’albero di albicocco?

Ecco un elenco delle principali malattie che possono colpire questo albero da frutto.

Oidio

L’oidio è una malattia comune in giardino, colpisce anche gli alberi da frutto tra cui l’albicocco. È causata da Podosphaera tridactyla . Sul frutto sono presenti delle macchie bianco grigiastre che danno un feltro biancastro. Può far seccare le foglie se l’attacco è grave.

Spruzzare il trattamento di arricciatura delle foglie di pesco biologico dalla fase di caduta dei petali fino all’inizio dell’allegagione (aspetto del frutto) è un modo efficace per trattare l’albero di albicocca. Sul frutto l’oidio è caratterizzato da macchie bianco-grigiastre che rapidamente si trasformano in una necrosi marrone, dura e superficiale che altera l’aspetto del frutto.

Se questo è il caso delle tue albicocche, spruzza lo stesso trattamento per l’arricciatura delle foglie di pesco nella fase di formazione del frutto da 3 a 4 cm.

Gummosi o batteriosi

La batteriosi ( Pseudomonas spp ) è una malattia batterica. I sintomi sull’albero di albicocco si notano dalla formazione del cancro, con la presenza di gomma che trasuda sui rami o sul tronco dell’albero.

Il verticillium appassisce

Questa malattia crittogamica si sviluppa a causa del fungo Verticillium dahliae . Sull’albicocco, l’appassimento del verticillium provoca l’improvviso disseccamento di alcuni rami o dell’intero albero. Si nota un ingiallimento e una progressiva caduta delle foglie.

Moniliosi

La moniliosi è una malattia fungina causata dal fungo Monilia laxa . Si osserva nell’albicocco un disseccamento dei fiori, caratteristico di un attacco di Monilia, poi dei rametti con colata di gomma e formazione di cancri alla base dei rametti morti.

Sui frutti si osservano marciumi bruni che si diffondono rapidamente su tutto il frutto, questo si ricopre di piccole pustole grigie o beige generalmente sparse in cerchi concentrici, poi il frutto si mummifica gradualmente.

È importante trattare il tuo albero di albicocca con la soluzione per il trattamento dell’arricciatura delle foglie di pesca . In inverno è indispensabile eliminare i frutti mummificati, recidere i rami colpiti e bruciarli. All’inizio della primavera, allo stadio di gemme gonfie, puoi spruzzare questa soluzione per il trattamento delle bolle di pesca seguita da un’applicazione di letame di ortica.

Nella fase di sviluppo dal germoglio al fiore, si consiglia anche l’applicazione del trattamento dell’arricciatura delle foglie di pesco seguito da un’applicazione di letame di ortica per trattare l’albero.

Corineo o vaiolatura dei frutti

La malattia del coryneum, chiamata anche sfregamento o malattia delle foglie e dei frutti, è causata dal fungo Coryneum beijerinckii . Attacca spesso alberi da drupacee come l’albicocco. Provoca macchie brunastre, poi buchi nelle foglie. Sono presenti macchie ben definite di colore grigio e marrone alla periferia del frutto.

Ruggine

La malattia della ruggine colpisce gli alberi di albicocca in crescita. Numerose fossette brunastre sono visibili sul lato inferiore delle foglie. Questa malattia è causata da Tranzchelia pruni-spinosae, provoca la caduta prematura del fogliame in caso di forte contaminazione.

Batteriosi

È lo sviluppo di un batterio che porta alla necrosi delle foglie, dei fiori e poi dei frutti.

Sintomi: prima colpiscono i boccioli dei fiori con macchie nere. Successivamente i frutti sono interessati da necrosi nere e cadono. Infine le foglie presentano macchie bruno scuro delimitate da un anello rossastro. Osserviamo quindi spesso una caduta di queste foglie. Infine, sulla corteccia dei rametti lignificati possono comparire delle vesciche giallastre.

Ai suddetti sintomi si aggiungono, in particolare negli albicocchi, una più marcata comparsa di gommosi, la presenza di importanti cancri e il disseccamento dei rami infetti. I frutti si ricoprono di macchie simili a quelle che compaiono durante la malattia crivellata. Differiscono per l’assenza di una parte più chiara al centro.

Arricciamento

L’arricciamento delle foglie è una malattia causata da un fungo che sverna sotto le squame delle gemme e infetta le foglie non appena compaiono. Come gli altri, i fattori di rischio sono pioggia, vento, attrezzi poco puliti, ecc.

Sintomi: le foglie si arricciano e si ricoprono di vesciche gialle e poi rosso violacee. Si verifica quindi una caduta precoce del fogliame. I ramoscelli si deformano e possono apparire flussi di gomma. L’albero è indebolito, quindi la produzione sarà ridotta.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *