Come coltivare il fico

Gli alberi di fico sono uno dei frutti più gratificanti e deliziosi che si possano coltivare.

Scoprite come piantare e curare il vostro albero di fico e godetevi i suoi frutti quando sono ancora giovani!

Gli alberi di fico hanno bisogno di un posto in pieno sole

I fichi sono alberi da frutto che richiedono il pieno sole per crescere bene. Ciò significa 6-8 ore di luce solare al giorno, senza ombra da parte di alberi o edifici. Inoltre, non crescono bene in piena ombra, quindi dovrete assicurarvi che il vostro albero di fico riceva molta luce solare diretta.

Se avete la possibilità di piantare il vostro albero di fico all’interno o all’esterno, forse è meglio coltivarlo all’interno, se possibile. Dovrete comunque dargli molta luce in casa, almeno 6-8 ore al giorno, ma questo può essere fatto con un timer in modo che le luci non rimangano accese tutta la notte.

Se non avete abbastanza spazio all’interno della vostra casa (o semplicemente volete un’esperienza all’aria aperta), prendete in considerazione l’idea di piantare un giardino in contenitore all’aperto, dove c’è molta luce solare disponibile durante il giorno e la notte!

Piantare l’albero allo stesso livello in cui è stato piantato nel vivaio

È importante piantare il fico allo stesso livello in cui è stato piantato nel vivaio. Una piantagione troppo profonda o troppo bassa può causare problemi all’albero. Piantare al livello corretto aiuta il fico a stabilirsi e a sviluppare radici più forti.

Innaffiare bene l’albero dopo la messa a dimora

È consigliabile innaffiare l’albero ogni settimana per il primo mese, ogni 2 settimane per i successivi 3 mesi e poi ogni mese fino al primo raccolto. In seguito, potrete ridurre la frequenza delle annaffiature da una volta al mese a una volta ogni due mesi.

Aggiungere la pacciamatura intorno alla base dell’albero

La pacciamatura è un buon isolante, che impedisce al terreno di diventare troppo caldo o troppo freddo. Inoltre, aiuta a trattenere l’umidità e previene la crescita di erbe infestanti, rendendola una scelta ideale per la pacciamatura degli alberi.

La potatura non è necessaria per i fichi giovani, ma gli esemplari più vecchi beneficiano di una potatura ogni anno o due

La potatura non è necessaria per i fichi giovani, ma gli esemplari più vecchi traggono beneficio dalla potatura ogni anno o due.

Gli alberi di fico non potati finiscono per diventare troppo grandi per raccogliere i frutti e possono sviluppare fusti spessi che rendono difficile raccogliere i frutti o addirittura vederli crescere sui rami.

Per mantenere il vostro albero in salute, dovreste potarlo in primavera, prima dell’inizio della nuova crescita. Rimuovete tutto il legno morto e tutti i rami spaccati o malati, nonché i polloni (nuovi germogli) che crescono dai fusti principali a livello del terreno.

Il processo può risultare sgradevole, ma vi assicuriamo che ne vale la pena: gli alberi di fico prosperano in aree con molta luce e circolazione d’aria, quindi la rimozione degli arti morti consentirà di far entrare più luce solare nella chioma del vostro albero!

Eliminare i rami morti o morenti e i fusti che hanno fruttificato

Per massimizzare il raccolto, è importante potare il fico. Eliminate i rami morti o morenti e quelli che hanno dato frutti. La potatura aprirà il centro del fico e lascerà passare la luce e l’aria per far crescere altri rami fruttiferi.

Gli esemplari più giovani non necessitano di potatura perché non hanno ancora raggiunto dimensioni tali da trarne beneficio; gli esemplari più vecchi, invece, beneficiano di una potatura ogni anno o due.

Si può anche potare per aprire il centro del fico e far passare luce e aria per far crescere più rami fruttiferi

Scegliete un posto soleggiato per il vostro albero e dategli spazio per crescere e sarete ricompensati con i fichi

Le zighe non sono difficili da coltivare. Hanno bisogno di pieno sole e possono essere coltivati in contenitori. In effetti, preferiscono vasi grandi o piccole vasche, in modo che le radici abbiano spazio per espandersi e l’albero riceva acqua a sufficienza.

Le tigri vengono potate per aprire il centro e far passare la luce e l’aria, pur mantenendo una fitta chioma che protegge i frutti dalle scottature e dal gelo.

Ciò significa che non dovrete preoccuparvi di rimuovere i rami indesiderati o di tenerlo legato a un traliccio: basterà piantarlo in un luogo dove riceverà molto sole, annaffiarlo regolarmente (ma non troppo, non volete che il terreno si intasi) e concimarlo una volta all’anno dopo l’inizio della fruttificazione (di solito quando gli alberi hanno 2-3 anni) usando un fertilizzante organico come l’emulsione di pesce o l’estratto di alghe marine, con l’aggiunta di un po’ di compost per buona misura!

Come coltivare il fico: Conclusioni

Il fico è una pianta meravigliosa con molti benefici. È anche molto facile da coltivare e mantenere. Con questi consigli, potrete facilmente coltivare il vostro albero di fico e godervi i suoi frutti!