Come coltivare i cactus

Segui i nostri consigli per coltivare con successo i tuoi cactus. Le piante grasse con foglie carnose e impregnate d’acqua sono in grado di sopportare una siccità molto grave.

Pianta i tuoi cactus in pieno sole, in un terreno leggero e sabbioso che non trattiene l’acqua. In casa, posiziona i cactus dietro una finestra in modo che beneficino della luce migliore.

Evitare qualsiasi irrigazione eccessiva che potrebbe essere fatale per loro!

Dove piantare i cactus?

Tutto l’anno, i cactus hanno bisogno di quanta più luce possibile. Posizionali davanti alle finestre in modo che siano belli anche in inverno.

Sopportano la temperatura dei nostri interni ma preferiscono trascorrere l’inverno in una stanza fresca. In estate, non esitate a tirarli fuori se le condizioni sono favorevoli.

Come piantare un cactus?

Piantali in un terreno di coltura leggero, poroso e ben drenato per evitare che l’acqua ristagni alle radici. L’umidità consentirà al marciume di crescere e uccidere il tuo cactus.

Per coltivare correttamente le cactacee scegliete un terriccio per cactacee, arricchito di sabbia, la terra da giardino non basta. Innaffia il tuo cactus solo se il terreno è asciutto.

Scelta di varietà di cactus

Nelle piante grasse, crassule, echeverie, agavi, aloe, haworthie, per citare solo le più comuni, fanno parte di questa famiglia che comprende specie dalle forme molto diverse. Hanno un fabbisogno idrico maggiore rispetto ai cactus.

Nei cactus troviamo più frequentemente cereus, echinocactus (o “cuscino della suocera”), echinocereus, epiphyllum, mammillaria, opuntia o rebutia…

Manutenzione di cactus

  • Per l’irrigazione, in estate è sufficiente un po’ d’acqua una volta alla settimana. Riprendere l’irrigazione gradualmente per non far scoppiare le cellule impregnate d’acqua.
  • In inverno le piante vanno a riposo, non annaffiarle, soffriranno. Fai attenzione a non innaffiare troppo ogni volta altrimenti i tuoi cactus marciranno.
  • Il vantaggio di queste piante è che tollerano molto bene le privazioni estive: non c’è bisogno di chiedere ai vicini di venire ad annaffiare in estate!
  • In primavera, aggiungi uno speciale fertilizzante per cactus una volta al mese. Questo contributo non è necessario se rinvasi regolarmente le tue piante.
  • Porta i tuoi cactus e le tue piante grasse sul balcone non appena fuori le temperature sono abbastanza calde e il rischio di gelo non è più da temere. Si uniranno alle tue piante d’appartamento e ad altre piante d’appartamento.
  • Rinvasa i tuoi cactus ogni 3 o 4 anni con terriccio con un’alta percentuale di sabbia. Rinvasali solo in un vaso di una taglia più grande.
  • Di tanto in tanto spazzolare via la polvere che si accumula negli steli carnosi con una spazzola a setole morbide.

Moltiplicazione di cactus

I cactus si moltiplicano molto bene! Per talea, per semina o per innesto si otterranno facilmente nuove piante. I cactus sono le piante che si prestano meglio alle talee! T

aglia una sezione in modo pulito, quindi lascia che questo taglio si asciughi per alcune settimane prima di metterlo nel terreno e voilà! Per quanto riguarda la semina, è un buon metodo per ottenere tante varietà diverse.

Questa tecnica è più restrittiva perché è adatta solo se hai una piccola serra e richiede molta manutenzione (irrigazione regolare, temperature precise, ecc.). Infine per l’innesto, le piante ottenute avranno spesso un periodo di fioritura più lungo.

Come far fiorire i tuoi cactus?

Per fiorire, i cactus hanno bisogno di trascorrere l’estate in giardino, all’aria aperta. Inizia abituandoli gradualmente alle condizioni esterne: posizionali su un davanzale all’ombra, poi in mezz’ombra e infine al sole.

Raccogli l’acqua piovana se i vasi sono troppo piccoli perché possa penetrare da sola. Innaffia abbondantemente i tuoi cactus una volta alla settimana, o anche due volte se fa molto caldo.

Non appena tornano i primi freddi, portate le cactacee in una stanza fresca, condizione per una bella fioritura l’anno successivo.

Malattie di cactus e piante grasse

Il nemico numero uno di cactus e piante grasse è il marciume. I funghi vettori di questa malattia si sviluppano in seguito a troppa umidità. Non dimenticare di ragionare sulla tua irrigazione! Vi sono poi altre malattie crittogamiche, soprattutto del genere Botrytis. Non esitate a potare le parti malate della pianta per prevenire la diffusione della malattia.

Le cocciniglie e altri acari amano particolarmente le piante grasse. Spazzate con una spazzola impregnata di acqua saponosa ne avranno la meglio su gran parte senza però distruggere gli ausiliari.

Per evitare gli attacchi di parassiti e malattie alle piante grasse, aggiungere poco fertilizzante, migliorare la fertilità e l’attività del terreno. Infine, non dimenticare di disinfettare abbastanza regolarmente le tue attrezzature (pentole, cesoie, ecc.) per evitare contaminazioni.